martedì 9 maggio 2017

Secondo seminario di Taiji Quan (tai chi)

Incontro taiji quan


è con piacere che presentiamo il secondo incontro di Taiji quan con il maestro Raffaele Tassone presso l'Associazione Artemisia asd 
sabato 13 maggio dalle ore 15,30 alle 18,30

"Il Tai Chi è come una danza; fluido come l'acqua, scalda come il fuoco ed è leggero come l'aria e si pratica sulla terra, il Tai Chi è vita, salute, benessere e completezza." 
Si può riassumere in questi fondamenti: 
- Stabilità
- Fluidità
- Eleganza
- Leggerezza
- Energia
-Completezza
-Armonia
"Ritengo – spiega il Maestro Raffaele Tassone – che, oggi più che mai, essere consapevoli del nostro corpo e avere un dialogo equilibrato e costante con noi stessi, e con ciò che ci circonda, sia non solo importante, ma urgente. Fare una pratica di questo tipo oltre a fare tanto bene, rende liberi di spaziare fuori dai confini che ogni giorno ci creano intorno a noi!”.guarda qui
Per info e/o prenotazioni contattare: Amelia 347 8686360

lunedì 14 novembre 2016

Corso Taccuini di viaggio

Corso sui Taccuini di Viaggio

Si sono aperte le iscrizioni per il corso pratico sulla realizzazione dei taccuini di viaggio - dall'idea all'oggetto.
Contattateci per maggiori informazioni e dettagli al 347 8686360


lunedì 7 novembre 2016

Serata incontro con Carlo De Martinis


Una serata che ci introduce nel mondo del Ki, in giapponese questa parola sta ad indicare la forza vitale. 

"Per capire la Natura umana a fondo, oggi la biochimica non basta più; le medicine complementari (medicina tradizionale cinese, medicina ayurvedica etc.), guardate con occhio non solo fideistico ma anche scientifico, concepiscono l'uomo come risultato di fenomeni(processi) non solo biochimici (ormonali-enzimatici) ma anche biofisici, nei quali entrano in gioco concetti come Elettromagnetismo, Biorisonanaza, Vibrazione, Frequenza oggigiorno percepibili e misurabili grazie alla Biofisica, meglio conosciuta come Medicina Quantistica. .....Alla luce di ciò, si può affermare che nel "Corpo" c'è un'esistenza energetica-elettromagnetica (Prana, Ki) che dialoga con un'esistenza biochimica......."  (tratto da "il Prana e il corpo sottile " di Carlo De Martinis).

Carlo De Martinis:

Ho finalizzato gli studi per sostenere la mia passione per lo sport, quale strumento educativo, conseguendo il diploma di Educazione Fisica presso l’ISEF de L’Aquila nel 1986/87.
Negli anni (per circa 20 anni) ho lavorato come Istruttore di Fitness e Wellness, come Personal Trainer, come Kinesiologo-Rieducatore Posturale nelle palestre più rilevanti di Pescara.
Per ampliare la mia visione e missione lavorativa mi sono indirizzato allo:
ü  SHIATSU: pratico da oltre 15 anni dopo aver conseguito il Diploma di operatore presso l’Istituto Europeo di Shiatsu (Roma e Milano) nel 2002;
ü  YOGA: conseguendo il diploma di insegnante con orientamento terapeutico ayurvedico nel gennaio 2016 presso il C.Y. Surya diretto dal maestro Amadio Bianchi (Swami Suryananda Saraswati)
ü  Attualmente lavoro come Operatore di tecniche complementari sportive e non pre lo studio di fisioterapia a Cepagatti (PE) come ci interessiamo di Rieducazione Funzionale
ü  Consulente di Tecnologia Innovativa per il benessere e la salute per l’azienda Natura Life (sistema di riposo innovativo) e per l’azienda Medstau (materiale e filato antistatico per il dolore e la prestazione), in qualità di esperto di elettromagnetismo-biorisonanza.
Nel mio iter (cammino) di sviluppo personale e lavorativo ho sempre guardato l’individuo con visione olistica (nel suo aspetto non solo fisico), promuovendo un concetto di salute a 360°, convinto di un sostegno globale, di un sano stile di vita per vivere pienamente la propria esistenza; del concetto che è meglio affidarsi alla PREVENZIONE e alla NON EVIDENZA.
La mia missione nella vita è la SALUTE che si può preservare cambiando strategia o meglio punto di vista (open the mind).

sabato 15 ottobre 2016

Incontro con l'artista Marco Pallini

Incontro con l'artista Marco Pallini - Palmar 


Marco Pallini “PALMAR” da sempre amante dalle arti grafiche, ha investito molto del suo tempo nel portare avanti questo amore sviluppando e coltivando il suo talento innato e nel condividere questa passione e queste conoscenze acquisite nel tempo. E’ stato, tra i vari impegni svolti, anche curatore di diverse edizioni della mostra “Alle Feste col Taccuino”. Questo evento ha portato carnetisti da diverse parti d’Italia a conoscere le
Disegnato da ART-man (Daniele De Luca)
feste e le tradizioni lancianesi, lasciando testimonianza attraverso i loro magistrali taccuini di viaggio esposti durante le feste.

PALMAR si divide tra il disegno in strada (Urban Sketching), l’acquerello en plen air e i Taccuini di Viaggio.

Cos’è per lui la passione? “Credo che la passione sia il motore di ogni creazione. Che si tratti di relazioni interpersonali che di arte, senza di essa non c’è una motivazione vera. Per raccontare la passione ci vogliono sofferenza, rinunce e attese: ma la ricompensa è tanta e ti ripaga di tutto.” (Tratto da italytravellab)

“In passato, ha lavorato per diversi anni in studi grafici ed agenzie di comunicazione, utilizzando soprattutto supporti informatici. Circa cinque anni fa ha recuperato la tecnica dell’acquerello, con cui ha riallacciato un rapporto più diretto e naturale con l’ambiente, realizzando dei suggestivi carnet di viaggi. I Carnet de voyage erano taccuini usati dai viaggiatori dell’ottocento per riprodurre le scoperte dei monumenti e dei paesaggi italiani che maggiormente li emozionavano. Un approccio non certo frettoloso e superficiale, che spesso contraddistingue noi viaggiatori moderni, ma lento e minuzioso, capace di cogliere i dettagli e soffermarsi sulle proprie sensazioni.


E non si trattava solo di disegnare ma anche di scrivere, raccontando le immagini che si intendeva riportare sui propri taccuini. Gli urbansketchers fanno la stessa cosa ma in un ambiente più definito, come quello urbano, e con tempi molto più brevi, generalmente quelli di una giornata. È ciò che viene chiamata sketchcrawl e può diventare soprattutto un momento di incontro e di partecipazione. “Un genere di arte che assume il significato della condivisione di una passione e di un’esperienza” commenta con soddisfazione Marco Pallini, invitando chiunque lo desideri ad esprimere la propria creatività anche su di un semplice taccuino.” (tratto da un articolo di Irene Giancristofaro per Lanciano24.it)

“Gli urbansketchers si propongono di raccontare in maniera emozionale diversi aspetti del paesaggio, prediligendo il piacere di disegnare, di incontrare persone con cui condividere questo interesse e di stare all’aperto, senza dover necessariamente possedere specifiche competenze tecniche. Anche solo tracciando uno schizzo o un bozzetto si può scoprire di possedere delle risorse davvero insospettate. Accade, così, che ci si riesca ad esprimere utilizzando una modalità particolare, nata magari da un’improvvisazione personale. Il disegno, in questo modo, diventa soprattutto scoperta. La cosa importante per chi voglia cimentarsi in questa esperienza è la curiosità verso ciò che lo circonda riuscendo, magari, a cogliere sfumature e dettagli di elementi architettonici e paesaggistici che ne conferiscono la particolarità. C’è una frase dell’architetto-viaggiatore Fernando Cinquegrani che ne riassume più di ogni altra il pensiero: “ci si incontra per parlare di bellezza” e più che un gruppo vero e proprio è un’idea.” (tratto da un articolo di Irene Giancristofaro per Lanciano24.it)